ARIENZO - La vittima del raggiro, un 48enne del casertano, dopo essersi accorto di essere stato truffato, ha denunciato ai carabinieri della Stazione di Arienzo la sua disavventura.

La truffa

È accaduto nella mattinata di ieri quando l’uomo, convinto di fare un ottimo affare, ha versato con un bonifico bancario un acconto di 1500,00 euro per l’acquisto di un trattore agricolo, messo in vendita da una 43enne di Crotone su una nota piattaforma web.  Dopo qualche ora però, si è accorto che l’inserzionista, nonostante i suoi continui tentativi di contattarla, ha interrotto ogni forma di comunicazione.

Gli immediati accertamenti eseguiti dai militari dell’Arma attraverso l’incrocio dei dati del conto corrente fornito per il pagamento con quelli dell’utenza telefonica usata dall’inserzionista e gli estremi del documento di identità lasciati a garanzia per il versamento, hanno consentito di risalire alla sua identità.

Deferita una donna

La donna, già nota alle forze dell’ordine per la commissione di numerose truffe, questa volta aveva utilizzato un numero di telefono intestato ad un cittadino extracomunitario e un documento di identità falsificato, originariamente intestato ad altra persona ed utilizzato anche per la commissione di altre truffe via web. La formalizzazione della denuncia da parte della vittima ha permesso ai militari dell’Arma di procedere al deferimento in stato di libertà della 43enne, ritenuta responsabile della truffa, ed al sequestro preventivo del suo conto corrente. Parte della somma bloccata, pari a 2000 euro, sarà utilizzata per il risarcimento del denunciante.