5F981AE79B41078FEDC22D3ABDAFE100

MADDALONI – Una doppia notizia di cronaca quella che ha interessato la notte scorsa la città di Maddaloni. Intorno alle otto di ieri domenica 3 marzo in via Napoli si verificava un incidente frontale tra due auto, una Fiat Idea ed un’Audi. Nello scontro è stata poi coinvolta anche una terza vettura.

L'episodio

Sul posto si precipitava un’ambulanza del 118 i cui operatori, in particolare un’infermiera, si apprestavano a soccorrere un ragazzo apparentemente privo di sensi. Improvvisamente il ragazzo ha ripreso conoscenza aggredendo l’operatrice, prendendola alla gola e scaraventandola contro una saracinesca, e apostrofandola con termini volgari ed offensivi.

militari

La testimonianza dell'infermiera

La testimonianza dall’operatrice è stata pubblicata sulla pagina “Nessuno Tocchi Ippocrate”: “Io sono Infermiera della postazione 118 di Maddaloni (CE) e ieri sera, intorno alle 20:10, siamo stati allertati per andare su un incidente stradale, dove vi erano più coinvolti ed un ragazzo incosciente a terra. Arriviamo dopo pochi minuti ed inizio a scendere per soccorrere il ragazzo a terra. Il ragazzo era cosciente ma agitato e gli chiedo il nome. A questo punto si alza e con una forza inaudita mi prende per la gola stringendo, mi alza da terra scaraventandomi nella saracinesca facendomi cadere, non contento si è avventato su di me e solo a quel punto degli uomini mi hanno portata via in ambulanza. Io e il mio autista ci chiudiamo in ambulanza e allertiamo i CC. Mentre aspettavamo l’aggressore voleva avvicinarsi ancora e mentre lo tenevano a bada venivo chiamata con epiteti particolari “zoccola, cretina” esortandomi a scendere nuovamente per calmare il paziente agitato. Io sono andata in ospedale riportando per fortuna solo una contusione cervicale ed ecchimosi al collo”.