5F981AE79B41078FEDC22D3ABDAFE100

SANTA MARIA A VICO - Si era invaghito di una collega con cui collaborava nel disbrigo di pratiche amministrative relative alla gestione dei suoi dipendenti l’uomo che, nella giornata di ieri (26 marzo), è stato arrestato dai carabinieri della Stazione di Santa Maria a Vico per atti persecutori.

La telefonava fino a 170 volte al giorno

Per mesi la donna ha provato a fargli capire che la sua era solo una collaborazione lavorativa e che tra loro non sarebbe mai potuta nascere alcuna relazione sentimentale. Di questo, però, il 49enne di Santa Maria a Vico, nel casertano, non è mai riuscito a farsene una ragione. I suoi comportamenti verso la donna, con il trascorrere del tempo, sono divenuti sempre più insistenti e oppressivi tali da ingenerare nella vittima un perdurante stato d'ansia e di timore anche per la sua incolumità. Benchè la donna avesse più volte declinato inviti a cena l’uomo, sebbene non abbia mai usato violenza fisica nei suoi confronti, ha continuato in maniera ossessiva a “controllarne” gli spostamenti attraverso continue telefonate e messaggi finalizzati a sapere dove in quel momento si trovasse e con chi. In due soli giorni l’ha telefonata 170 volte e, non avuta alcuna risposta, si è presentato alla porta di casa bussando con insistenza anche con calci e pugni.

La denuncia e l'arresto

La vittima in sede di denuncia ha raccontato ai carabinieri della Stazione di Santa Maria a Vico altri episodi, rimasti confinati negli atti persecutori senza di fatto essere mai sfociati in violenze fisiche, che però l’hanno comunque costretta ad alterare le proprie abitudini di vita. Il 49enne, rintracciato dai carabinieri, è stato arrestato in flagranza c.d. “differita” e condotto presso il carcere di Santa Maria Capua Vetere.