5F981AE79B41078FEDC22D3ABDAFE100
Il fermo dei carabinieri
Il fermo dei carabinieri

Un giovane di 26 anni, Raffaele Mundo, accusato di tentato omicidio per aver investito con la propria auto un 22enne, rendendolo invalido a vita, è stato fermato dai carabinieri ad Orta di Atella

Investì un 22enne e lo rese invalido a vita, fermato il figlio del boss

Mundo, con precedenti per spaccio e altri reati, era già stato arrestato qualche anno fa per un altro tentato omicidio; il padre Salvatore Mundo è ritenuto vicino al clan dei Casalesi (famiglia Russo legata agli Schiavone), è stato scarcerato di recente ed è attualmente sottoposto alla sorveglianza speciale. 

Secondo quanto accertato dai carabinieri della sezione operativa della Compagnia di Marcianise, coordinati dalla Procura di Napoli Nord, il 6 febbraio Mundo era in auto con la fidanzata ad Orta di Atella quando incrociò il 22enne, che era a piedi; i due si conoscevano e sembra che avessero in sospeso questioni a legate ad affari illeciti, forse lo spaccio di droga, anche se il movente non è ancora emerso con chiarezza. 

Raffaele Mundo accusato di tentato omicidio: il fatto è accaduto ad Orta di Atella

Mundo, dopo aver visto il 22enne, fece inversione con l'auto, inseguì l'altro ragazzo e lo investì, per poi fuggire. La vittima fu portata d'urgenza in ospedale. Al 22enne fu riscontrata una lesione al midollo spinale che gli provocato la paralisi permanente degli arti inferiori e altri gravi problemi fisici. 

A meno di due mesi dal fatto, Mundo è stato identificato e fermato dai carabinieri su ordine della Procura, che temeva potesse fuggire. A casa del 26enne, i carabinieri hanno trovato e sequestrato 21.250 euro e alcuni grammi di cocaina. 

Ecco il comunicato della Procura della Repubblica di Napoli Nord

Nell’ambito di indagini dirette dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord, in data odierna, ad Orta di Atella, personale del Nucleo Operativo- e Radiomobile – Sezione Operativa della Compagnia Carabinieri di Marcianise ha eseguito un decreto di fermo di indiziato di delitto, emesso dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord nei confronti di un giovane-gravemente indiziato in ordine al tentato omicidio consumato il giorno 6 febbraio scorso, ad Orta di Atella, ai danni di un coetaneo. Si tratta di Raffaele Mundo, 24 anni, figlio del ras Salvatore Mundo detto “o’ mister” e nipote del pentito Lucariello.

Le attività investigative – condotte attraverso l’escussione di persone informate sui fatti, l’analisi di registrazioni dei sistemi di videosorveglianza nonché accertamenti tecnici – consentivano di ricostruire l’esatta dinamica del grave fatto delittuoso, facendo emergere, a carico del predetto, gravi indizi di colpevolezza per l’ipotesi di reato di tentato omicidio aggravato dai futili motivi.

In casa i carabinieri hanno trovato cocaina e 21mila euro in contanti

Nell’ambito dell’attività di perquisizione domiciliare e personale, svolta presso l’abitazione dell’interessato, veniva rinvenuta la somma contante di euro 21.250,00, di cui non veniva giustificato il possesso, nonché sostanza stupefacente del tipo cocaina, per un peso complessivo di 3,25 grammi, suddivisi in quattro dosi. Il tutto sottoposto a sequestro penale. Mundo è stato poi tradotto presso la Casa Circondariale di Santa Maria Capua Vetere, in attesa dell’udienza di convalida.