5F981AE79B41078FEDC22D3ABDAFE100
Il direttore Sorvino e l'assessore Marone
Il direttore Sorvino e l'assessore Marone

MADDALONI – Si è svolta venerdì mattina all’aria aperta nella villa comunale che affaccia su piazza Don Salvatore D’Angelo la conferenza stampa di presentazione degli obiettivi che si intendono raggiungere sul tema della qualità dell’aria a Maddaloni con l’installazione di una stazione di monitoraggio e di misura degli inquinanti atmosferici dell’Arpac.

I presenti

All’evento erano presenti l’avvocato Stefano Sorvino, direttore generale dell’Arpac, l’assessore all’Ambiente del Comune di Maddaloni Claudio Marone, ed il tecnico responsabile del rilevamento. Come ribadito dal direttore generale la stazione mobile è capace di rilevare non solo le polveri sottili, manche i composti dell’azoto, del carbonio e del benzene. 

stazione mobile

Gli interventi

Stando ai primissimi rilevamenti registrati nel nostro territorio ci sarebbero sforamenti delle polveri sottili connessi però anche all’arrivo delle polveri sahariane. Comunque la qualità dell’aria maddalonese in linea di massima può essere definita intermedia, non collegabile alle zone più inquinate della nostra provincia, ma comunque da tenere sotto controllo.

Soddisfatto l’assessore Marone che ha ricevuto conferma della veridicità, attraverso questo nuovo punto mobile, dei dati dell’anno scorso rilevato dalla stazione della scuola “Settembrini” di via Brecciame. Ovviamente il titolare dell’assessorato all’Ambiente si è detto preoccupato per lo sforamento dei livelli di polveri sottili che comunque non possono essere attributi ai cementifici la cui attività è ferma da anni. Questi dati per l’assessore Marone serviranno a lavorare ad un piano traffico che tenga conto di questa situazione. 

ambiente

Il laboratorio mobile

Il laboratorio mobile, voluto dall'amministrazione comunale guidata dal sindaco Andrea De Filippo, attivato grazie a una specifica convenzione tra il Comune di Maddaloni e l’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente, misurerà le concentrazioni orarie di un set di inquinanti che comprende ossidi di azoto, polveri sottili PM10 e PM2.5, ozono, benzene, toluene, xilene, monossido di carbonio.