CASERTA - È di qualche giorno fa l’iniziativa di apporsi una “fascia a lutto” al braccio da parte dei camici bianchi del 118 e gli operatori dei Pronto soccorso di diversi Ospedali regionali.  Una mobilitazione negli ospedali per denunciare l'intollerabile escalation di episodi di violenza, fisica e verbale di cui sono bersaglio gli Operatori ogni giorno in corsia.

Anche da qui, quindi, il Direttore Generale dell’Asl di Caserta, Dr. Amedeo Blasotti, tramite la formazione, ha voluto offrire agli Operatori dell’Emergenza, l’acquisizione di ulteriori strumenti e di tecniche per l’evoluzione delle capacità comunicative nel rapporto con l’utenza (pazienti e caregiver), che rappresenta un accrescimento professionale di importanza strategica per i lavoratori del Pronto Soccorso, i quali si trovano quotidianamente coinvolti in momenti comunicativi ad alta intensità emotiva (Crisis and Emergency Risk Communication).

I fattori che incidono sull’emotività degli operatori sono spesso correlati a: gravità clinica; urgenza di intervenire su più pazienti; pressanti richieste e reazioni imprevedibili dei familiari; difficoltà di fornire informazioni su situazioni cliniche in evoluzione; comunicazione di cattive notizie. La finalità del corso è, pertanto, quella di realizzare percorsi di formazione teorico-pratici, destinati ai lavoratori delle aree critiche rispetto al rischio aggressione, al fine di fornire ulteriori elementi per migliorare la qualità della comunicazione con i pazienti e le loro famiglie, attraverso l’addestramento on the job e la simulazione di casi concreti.

Gli obiettivi del corso partono dal concetto di circolarità delle interazioni e delle relazioni: favorire il benessere dell’utenza migliora il clima lavorativo dell’operatore e riduce il rischio aggressione e viceversa. L’umanizzazione del Pronto Soccorso rappresenta, in sintesi, il benessere dell’utenza e, contemporaneamente, dei lavoratori. Nello specifico, gli obiettivi sono: Acquisizione di una maggiore capacità di gestione della comunicazione; Riduzione dello Stress dei Lavoratori nel fronteggiare le criticità comunicative;

Migliorare la qualità della relazione di cura e lo scambio comunicativo con il paziente e con le persone a lui vicine; Ridurre le probabilità di uno sviluppo conflittuale dei momenti di difficoltà e di tensione. L’iniziativa, organizzata dal Servizio Formazione Asl Caserta, diretto dal Dott. Arcangelo Correra e dal Servizio Prevenzione e Protezione, diretto dall’Ing. Giovanna Rotriquenz, è rivolto a 140 lavoratori dei Pronto Soccorso degli Ospedali della ASL Caserta: Aversa (06.10.2023), Marcianise (13.10.2023), Sessa Aurunca (20.10.2023), Piedimonte Matese (27.10.2023). La Direzione Scientifica del Corso è composta dalla Dott.ssa Elisa Rizza, Dirigente Psicologo ASL Caserta - SPP, Responsabile Sportello Stress Lavoro Correlato, Componente del Tavolo di Coordinamento Territoriale Multidisciplinare e Integrato vigilanza-azienda, sul Programma Stress Lavoro Correlato e dal Dott. Bruno Marra, Dirigente Medico Direzione Sanitaria ASL Caserta.

I Corsi di Formazione sono tenuti dalla Dott.ssa Alessandra Esposito, Dirigente Medico presso UOC SPP Asl Caserta; dal maestro Alboreto Ivan Carlo, Istruttore Ju Jitsu, Allenatore Krav Maga, Istruttore Orientamento Survival ASI e dall’Istruttore Angelo Mercurio; dal Dott. Carullo Salvatore, Collaboratore Tecnico Professionale Informatico presso UOC SPP ASL Caserta e dal Giornalista Di Benedetto Pasquale, Responsabile Ufficio Stampa ASL Caserta, esperto in Tecniche di Comunicazione Pubblica ed Istituzionale.