5F981AE79B41078FEDC22D3ABDAFE100
Immagine generica
Immagine generica

MADDALONI - È stato avviato, dal Ministero dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica, l'iter autorizzativo del progetto di Terna per il riassetto della rete elettrica nei comuni di Maddaloni, in provincia di Caserta, e di Acerra, in provincia di Napoli. L'opera, per cui la Società guidata da Giuseppina Di Foggia investirà oltre 38 milioni di euro, consentirà di ridurre l'impatto sul territorio delle infrastrutture elettriche e garantirà maggior resilienza e sicurezza della rete locale, aumentando la qualità del servizio per imprese e cittadini. 

L'intervento

L'intervento, infatti, rientra in un ampio piano di sviluppo della rete locale che prevede la realizzazione di una nuova sezione a 220 kV all'interno dell'esistente stazione elettrica di "Santa Sofia". Grazie alla posa di cinque nuovi collegamenti in cavo interrato nel tratto compreso tra la suddetta Stazione e le linee a sud dello scalo ferroviario di Maddaloni, sarà possibile procedere allo smantellamento di oltre 9 km di elettrodotti aerei, per un totale di 36 sostegni. Saranno circa 37 gli ettari di territorio liberato. Il progetto, frutto di un intenso e proficuo percorso di confronto con le istituzioni locali, rientra nel "Piano di Difesa della RTN" del 2019, volto anche a risolvere le interferenze delle infrastrutture elettriche esistenti e a garantire maggiore affidabilità del servizio di trasmissione dell'energia. 

operai

La documentazione

I cittadini, e in particolare i proprietari delle particelle interessate dalle nuove opere, potranno prendere visione della documentazione progettuale presso gli uffici del Ministero dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica, della Regione Campania, dei Comuni di Maddaloni e Acerra (Na) e presentare, entro i termini di legge, eventuali osservazioni scritte al suddetto Ministero e, per conoscenza, a Terna.