5F981AE79B41078FEDC22D3ABDAFE100

CASERTA - La Giunta Comunale ha approvato il progetto di fattibilità tecnica ed economica nell’ambito del programma “Caserta Legale”, che prevede la realizzazione di un sistema di videosorveglianza urbana con la lettura automatica della targa dei veicoli, in ossequio a quanto previsto dal SCNTT (Sistema Centralizzato Nazionale Targhe e Transiti). Il via libera a questo progetto costituisce un elemento essenziale ai fini della partecipazione a un bando pubblicato dal Ministero dell’Interno, di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, che mette a disposizione importanti risorse per potenziare gli interventi in materia di sicurezza urbana, anche realizzando sistemi di videosorveglianza dotati di moderne tecnologie.

Le ragioni del progetto

Il progetto, poi, fa seguito al “Patto per l’attuazione della sicurezza urbana”, siglato due mesi fa dal Sindaco di Caserta, Carlo Marino, e dal Prefetto, Giuseppe Castaldo, e che ha l’obiettivo di potenziare le azioni di prevenzione e contrasto dei fenomeni di criminalità diffusa e predatoria e di promuovere il rispetto del decoro urbano, attraverso l’installazione di nuovi sistemi di videosorveglianza in alcuni punti della città. Un riferimento fondamentale per l’attuazione del Patto sarà il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, la sede privilegiata di esame e di coordinamento delle iniziative in materia di politiche di sicurezza urbana.

Il programma “Caserta Legale” mira alla realizzazione di un sistema di videosorveglianza che prevede l’utilizzo di telecamere per la lettura delle targhe e di contesto, insieme alla dotazione di software di analisi video per il monitoraggio attivo delle aree a rischio, al fine di rafforzare le azioni di prevenzione e di contrasto alle forme di illegalità presenti nelle aree urbane del territorio di Caserta. 

comune di caserta

I dettagli dell'intervento

Nel progetto approvato in Giunta sono previste postazioni periferiche con telecamere di avvistamento. La ripresa delle immagini avverrà sia di giorno che di notte in automatico. I dispositivi di ripresa sono dotati di codificatore digitale con protocollo IP interno, in grado di archiviare e trasmettere dati e video ad alta risoluzione. Il sistema effettua una duplice funzione in sincronia, sia per una cattura video di contesto che per l'archiviazione dei numeri di targa dei veicoli in transito, con relativo database ed archiviazione integrata. Le caratteristiche di qualità delle immagini e della precisione saranno conformi a quanto richiesto dal SCNTT (Sistema Centralizzato Nazionale Targhe e Transiti). Il tutto sarà gestito attraverso una sala operativa, situata presso il Comando della Polizia Locale.

“Proseguiamo – ha spiegato il Sindaco di Caserta, Carlo Marino – nella nostra attività di messa in sicurezza del territorio, grazie alla realizzazione di sistemi di controllo del territorio moderni ed efficaci. Con questo progetto, che giunge a seguito del ‘Patto per l’attuazione della sicurezza urbana’, che vede una forte e indispensabile sinergia con la Prefettura, avremo la possibilità di monitorare in tempo reale tante zone della città, prevenendo fenomeni criminali. Nei prossimi mesi installeremo moltissime telecamere in ogni quartiere, che garantiranno la sicurezza all’intera cittadinanza”.

“Il programma ‘Caserta Legale’ – ha aggiunto l’Assessore alla Polizia Municipale, al Traffico e alla Viabilità, Massimiliano Marzo – ci consentirà di raggiungere numerosi obiettivi quali il miglioramento della sicurezza urbana, la prevenzione rispetto a possibili aggressioni, furti, rapine e atti di vandalismo e ad altri fenomeni di microcriminalità. Inoltre, grazie alle moderne tecnologie che caratterizzano questo sistema di controllo, saremo in grado di effettuare la rilevazione dei veicoli in transito privi di regolare copertura assicurativa, non in regola con la revisione periodica, rubati o sottoposti a fermo amministrativo. Infine, sarà possibile controllare fenomeni di abusivismo commerciale nonché luoghi sensibili quali piazze, uffici postali, e scuole”.