MADDALONI - All’esito di attività di indagine diretta dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minorenni di Napoli, la Polizia di Stato di Caserta ha dato esecuzione a ordinanze per l’applicazione di misure prescrittive nei confronti di due giovani.

I dettagli dell'indagine

L’indagine del Commissariato di pubblica sicurezza di Maddaloni, sviluppata in seguito alla denuncia sporta nei mesi scorsi dai genitori di un minorenne, ha portato alla denuncia di 5 adolescenti, tra i 13 e i 16 anni, ritenuti responsabili di aggressioni fisiche e offese, ripetute nel tempo, nei confronti di un proprio coetaneo, con debolezze cognitive. Le violenze sono state riprese con video, pubblicati su social e in chat, create appositamente per “perseguitare” la vittima.

I provvedimenti

Le indagini hanno fatto emergere le condotte del gruppo e solo la non imputabilità di alcuni dei coinvolti non ha consentito l’emissione di provvedimenti di natura penale, come invece avvenuto per i due giovani. Ciò non escluderà, per tutti i coinvolti, provvedimenti di natura amministrativa.

I due minorenni destinatari delle misure restrittive penali saranno costretti, oltre a dover rientrare ogni giorno presso le proprie abitazioni non oltre le 22, a non poter far uso di social network e a poter utilizzare il cellulare esclusivamente sotto stretta osservanza dei genitori. In particolare, dovranno partecipare ad attività di volontariato in favore di soggetti con disabilità, che saranno indicate dai Servizi sociali del Comune.