CASERTA – E’ stata pronunciata oggi alla Corte d’Appello di Napoli la richiesta di condanna del procuratore generale nei confronti di Gabriel Ippolito, il giovane di Caivano accusato dell’omicidio di Gennaro Leone, morto per una coltellata alla coscia nell’agosto 2021 in via Vico a Caserta. Il procuratore ha chiesto 19 anni ed un mese di carcere, riducendo la condanna in primo grado a 21 anni, con la concessione delle attenuanti generiche. Si torna in aula tra qualche giorno.

Il ferimento mortale di Gennaro Leone avvenne a seguito di una lite per futili motivi. Il fendente recise l’arteria femorale e nonostante l’arrivo dei soccorsi il 18enne si spense poco dopo. Gabriel venne fermato dai carabinieri il giorno successivo crollando poi durante l’interrogatorio.