CASERTA - Goccia fredda in allontanamento con schiarite verso il Centro-Nord; caldo africano in arrivo da venerdì con valori 10-12°C superiori alle medie del periodo. Lorenzo Tedici, meteorologo del sito www.iLMeteo.it, conferma i due punti salienti della previsione meteo odierna: il maltempo violento e continuo, da domenica su Nord e parte del Centro, si allontana verso la Croazia favorendo anche delle schiarite ad iniziare dal settore occidentale; prosegue intanto il bel tempo e l’Estate al Sud con un picco di 36°C previsto nel Salento. 

Torna il caldo africano

Il secondo punto della previsione è il ritorno del caldo africano quasi ovunque: da venerdì le temperature, attualmente 5°C sotto la media al Centro-Nord, si porteranno fino a 10-12°C oltre la media al Centro-Sud. La regione che vedrà dunque lo sbalzo termico più estremo sarà quella dell’Italia centrale: in poche parole, avremo un aumento anche di 15°C tra la giornata di ieri e quella di sabato. Questi sbalzi termici ed il maltempo degli ultimi giorni confermano un periodo eccezionale per alcune regioni del Nord con l’Estate che non vuole arrivare, un po’ come successe nel 2004 e nel 2005: per il settentrione, tra l’altro, si prevedono altre piogge almeno fino al 3 luglio, salvo una breve tregua tra giovedì e venerdì. Un quadro complesso, disordinato, legato all’assenza dell’Anticiclone delle Azzorre, l’alta pressione che porta condizioni estive stabili, non troppo calde e soprattutto durature. Con la presenza dell’Anticiclone Africano è invece normale passare da fiammate tropicali a piogge ‘monsoniche’ con un’Italia spesso divisa in due. Ma cosa succederà dunque nelle prossime ore? Sono previsti gli ultimi temporali, a tratti intensi, sulla fascia adriatica e sul Triveneto, poi la Goccia Fredda (Ciclone Irlandese) porterà il suo carico di maltempo verso la Croazia e la Serbia. 

Le temperature

Giovedì e venerdì saranno due giornate ottime, anche se già tra 48 ore le temperature saranno molto calde con picchi di 38-39°C sulle Isole Maggiori, 34°C anche a Roma e 33°C a Forlì. Come detto, sarà soprattutto durante il weekend che l’Italia vivrà un momento disordinato: al Centro-Sud le temperature diverranno nuovamente africane, al Nord arriveranno altre piogge forti e pericolose. Nel dettaglio, sabato sono attesi intensi rovesci soprattutto nel pomeriggio tra Valle d’Aosta, Piemonte e Lombardia in estensione serale anche al Triveneto; per fortuna, non sono previste piogge significative sulla ‘martoriata’ Emilia Romagna, colpita dal maltempo degli ultimi giorni. Al contrario, sul resto della nostra bella Italia avremo il solleone con ancora 38°C in Sicilia, 37°C anche a Benevento, Caserta e Terni, 36°C diffusi in Puglia e con 35°C previsti a Bolzano, Frosinone, Napoli e Roma. Ma sarà l'ultimo giorno di questo pazzo mese di giugno a regalare un ulteriore e più intenso picco del caldo africano: Bari, Siracusa e Taranto avranno la ‘febbre’ a 40-41°C, Catania, Foggia e Lecce a 39 così come numerose località della Sardegna. Sulla Capitale sono previsti 35-36°C fino a lunedì. Alcuni acquazzoni saranno confinati ad Alpi e Prealpi ma tutto sommato pioverà meno rispetto al sabato. Insomma, un’Italia divisa in 2 nel weekend: per il Nord, l’Estate 2024 deve ancora iniziare; al Centro-Sud siamo già alla terza ondata di caldo della stagione con valori estremi associati all’anticiclone nordafricano in risalita dall’Algeria. Un clima sempre più bizzarro.