AVERSA – Non si ferma l’attività di monitoraggio dell’aria da parte di Arpac Campania dopo l’incendio del deposito di materiale idraulico e sanitario che si è registrato ad Aversa lo scorso 19 giugno. Oltre al materiale del deposito, le fiamme hanno distrutto anche alcune vetture presenti nel parcheggio del palazzo adiacente.

La prima analisi dell'Arpac

Al momento però le stazioni fisse di Arpac site a Teverola ed Aversa (Scuola Cirillo e stazione mobile) non hanno registrato un aumento delle concentrazioni di agenti inquinanti nelle ore immediatamente successive al rogo. Ovviamente i controlli proseguiranno anche nei prossimi giorni soprattutto indirizzati alla ricerca di diossine ed altri elementi tossici.

Il ritorno delle famiglie

Nel frattempo le 15 famiglie del palazzo raggiunto e colpito dalle fiamme, dopo i controlli dei vigili del fuoco, hanno avuto il via libera per tornare alle proprie case.