SUCCIVO – Auto in fiamme. E’ avvenuto a Succivo dove la macchina di Rosario Russo, residente al Casale di Teverolaccio, membro attivo dell'Associazione di Legambiente Succivo e dipendente della Cooperativa Sociale Terra Felix, è stata trovata in preda ad un incendio. L’episodio è avvenuto nella notte tra lunedì e martedì. Per Legambiente si tratterebbe di un atto intimidatorio come si legge sulla pagina social “Legambiente Geofilos”.

“Siamo ancora tutti sconvolti da ciò che è successo e non possiamo restare in silenzio di fronte a tanta ingiustizia. Nella notte tra lunedì e martedì, l'auto di Rosario è stata data alle fiamme.

Questo atto vile e distruttivo ha lasciato tutti noi increduli e indignati. Come è possibile che qualcuno possa compiere un gesto così crudele e meschino? Chi può essere così privo di scrupoli da compiere un atto del genere, ignorando completamente i valori di legalità e di rispetto per la vita altrui?

Rosario è una persona straordinaria, impegnata da anni nella difesa dell'ambiente e nella promozione di uno stile di vita sostenibile. La sua passione e dedizione come membro di Legambiente Succivo sono state un faro di speranza per molti di noi, ispirandoci a fare di più per la nostra comunità e per il nostro territorio. Non possiamo permettere che gesti del genere indeboliscano il nostro impegno e la nostra determinazione.

In momenti come questi, è fondamentale restare uniti e non arrendersi. Dobbiamo alzare la voce contro l'ingiustizia e chiedere giustizia per Rosario e per tutti coloro che sono vittime di atti simili. Non possiamo permettere che la paura e l'intimidazione prevalgano sulla nostra volontà di costruire un futuro migliore.

Chiediamo alle autorità competenti di fare tutto il possibile per individuare i responsabili di questo vile atto vandalico e portarli davanti alla giustizia. Chiediamo a tutti voi, da amici, da cittadini consapevoli, di restare solidali con Rosario. Insieme possiamo dimostrare che la forza della comunità e dei valori in cui crediamo è più forte di qualsiasi gesto di violenza. Nel frattempo che le indagini facciano il loro corso, abbiamo pensato di unirci tutti per sostenere i danni economici e morali subiti da Rosario. Questa è una storia triste, ma tutti insieme possiamo scrivere un lieto fine. Chiediamo a tutta la comunità di sostenere la causa con una donazione. Ogni contributo, piccolo o grande che sia, farà la differenza”.

FOTO