MARCIANISE – Riceviamo e pubblichiamo la nota stampa diffusa dall’ex sindaco di Marcianise Antonello Velardi

Il problema della mensa

“Nel lontano 2017, poco dopo la prima elezione a sindaco di Marcianise, mi piombò addosso la tegola del pessimo funzionamento della mensa scolastica cittadina e del mancato pagamento delle spettanze alle maestranze: delle denunce e delle polemiche (ci fu un assalto al Comune, fui costretto ad uscire con l’ausilio della polizia) è ancora vivo il ricordo. L’unica cosa che potevo fare – oltre che sollecitare gli uffici preposti ad effettuare le dovute prescrizioni ai gestori del servizio – era quella di aspettare il nuovo bando e cercare di pubblicizzarlo quanto più possibile perché vi partecipassero quanti più concorrenti e quanto più qualificati.

L'incontro con il generale

Ad inizio anno, era il 18 gennaio 2017, venne in visita a Marcianise l’ex presidente dell’Inter, Ernesto Pellegrini, re della ristorazione, che con la città aveva un rapporto speciale per la pregressa gestione del servizio mensa nell’ex GTE.  Ci fu una grande festa con la premiazione degli ex dipendenti e in quell’occasione chiesi, privatamente ma anche pubblicamente sul palco, che Pellegrini tornasse in città per candidarsi a gestire il servizio mensa scolastico. Cortese, sorrise, ma non fece nulla. Qualche mese dopo, incontrai casualmente a Roma, su presentazione del generale ora arrestato (che conoscevo da quando era capitano e che aveva seguito tra l’altro la pratica per l’apertura della nuova compagnia dei carabinieri di Marcianise), davanti a più persone, il titolare di un’altra grande azienda della ristorazione che lavorava – così si presentò – con enti dello Stato. Mi ricordai di Pellegrini, chiesi anche a lui la stessa cosa e successivamente gli segnalai il sito dell’ente dove poteva reperire informazioni: stesso effetto e cioè totale disinteresse dell’imprenditore. Punto. Se rivedo questo signore per strada neanche lo riconosco; se rivedo Pellegrini sì, perché il suo volto è molto più noto.

La pubblicità del bando

Gli inquirenti giustamente hanno fatto i loro riscontri e giustamente hanno riportato nell’ordinanza che nessun rapporto c’è mai stato tra questo signore e il Comune di Marcianise, quando ero sindaco, sottolineando per due volte nell’ordinanza stessa che non sono indagato. Hanno riportato la circostanza che indirettamente mi riguarda per corroborare – lo scrivono loro stessi! – la tesi accusatoria circa i rapporti tra gli indagati. Ho cercato da sindaco di fare tutto ciò che dovrebbero fare i buoni amministratori, e cioè di dare la massima pubblicità ad un bando che, come capita purtroppo spesso in questi casi, passa sotto silenzio. Cioè ho voluto e invogliato la trasparenza e la competitività, per ottenere un servizio migliore, come prevede il codice, con una circolazione tra operatori primari, uno anche con attività per conto dello Stato. La pubblicazione della notizia, così come anche titolata, è avvenuta per impropri accostamenti e genera nel lettore convinzioni errate”.